Sei qui: Home » opere » Cavalli selvaggi

Cavalli selvaggi

All the Pretty HorsesPrimo romanzo della trilogia della frontiera, Cavalli Selvaggi può essere visto come un romanzo di formazione. Ora qualcuno potrà considerare questa storia la tenera e la drammatica iniziazione di due ragazzi che inseguono un passato che forse non è mai esistito. In realtà, nel romanzo, John Grady Cole e Rawlins – i due protagonisti – sono soltanto i comprimari di una terra, mitica e immersa in un’aureola di leggenda, che risulta essere la vera eroina di questo romanzo.

Una terra dominata da albe e da tramonti senza fine, dall’odore della pioggia che evapora sulla sabbia del deserto e dal vento freddo che scende dalle mesas del sudovest americano. Una terra sulla quale la tragedia aleggia preponderante e ossessiva a ogni pagina, condotta, in modo ipnotico e ossessivo, da un autore che sembra possedere la grazia degli dei.

Una scrittura lapidaria e mai eccessiva, dialoghi scintillanti che si incarnano nella storia come malta, grazie anche alla mancanza di caporali o altri segni di punteggiatura nel continuum della narrazione. Senza nulla togliere all’aroma del caffè che si può quasi annusare e ai valori moraleggianti e antichi di gente saggia comunicati dalla prosa.

Un romanzo straordinario e unico, scritto con la stessa forza e lo stesso mestiere che userebbe un contadino per avere il meglio dai suoi frutti. Un’opera grandiosa e memorabile, destinata a segnare un’epopea e ricca di momenti di vera poesia con vertici di prosa altissima che soltanto uno scrittore con la classe eccelsa di McCarthy può riuscire a regalare agli appassionati.

  • Cavalli selvaggi
  • Titolo originale: All the Pretty Horses
  • Prima edizione americana: Alfred A. Knopf, maggio 1992
  • Prima edizione italiana: Einaudi, 2006