Sei qui: Home » Opere di Cormac McCarthy

Opere di Cormac McCarthy

Romanzi, drammi e sceneggiature per il cinema

Cormac McCarthy pubblica il suo primo romanzo, Il guardiano del frutteto (The Orchard Keeper) – che gli ha valso il William Faulkner Foundation Award – nel 1965 con la casa editrice Random House. In un’intervista rilasciata nel 1992 al The New York Times Magazine confessa di aver spedito il manoscritto alla Random perché “era l’unico editore di cui ho sentito parlare”.

Il buio fuori (Outer Dark), nuovo successo, esce nel 1968 e l’anno successivo gli viene conferita la Fellowship for Creative Writing.

Il suo terzo romanzo, Figlio di Dio (Child of God) viene pubblicato nel 1973. La storia di Lester Ballard è vagamente ispirata a un personaggio storico che visse a Sevier County, nel Tennessee.

La stesura del quarto romanzo, considerato il migliore della sua produzione letteraria, Suttree, esce nel 1979, dopo oltre vent’anni di lavorazione. La storia è in parte autobiografica, ambientata nel primi anni ’50, e molti dei personaggi che vi compaiono riflettono persone realmente conosciute a Knoxville e dintorni dallo scrittore.

Nel 1985 McCarthy pubblica Meridiano di sangue (Blood Meridian). In un’intervista del 1992 McCarthy dice “Mi ha sempre interessato il Southwest. Non esiste posto al mondo dove puoi andare in cui la gente non sappia nulla di cowboy e Indiani e non conosca il mito del West”.

A questo romanzo ne seguono tre, tutti ambientati al confine fra Texas e Messico nella metà del XIX secolo. Sono Cavalli selvaggi (All the Pretty Horses) pubblicato nel 1992, Oltre il confine (The Crossing) del 1994 e Città della pianura (Cities of the Plain) del 1998, conosciuti – e riuniti anche – sotto il nome di Trilogia della Frontiera (The Border Trilogy).

Nel 1994 McCarthy pubblica un dramma, scritto negli anni ’70, The Stonemason, su una famiglia afro-americana che vive a Louisville, nel Kentucky.

Nel 1996, invece, viene pubblicata in volume una sceneggiatura per il cinema di McCarthy, The Gardener’s Son, ma scritta nel 1976. È la prima sceneggiatura dello scrittore e anche la sua prima opera storica.

Un’altra sceneggiatura, mai pubblicata e mai prodotta, è Whales and Men, scritta a metà degli anni ’80, quando lo scrittore produsse diverse sceneggiature, mai realizzate.

Non è un paese per vecchi (No Country for Old Men), nona opera letteraria, fu iniziato negli anni ’80 come sceneggiatura cinematografica e poi abbandonato. Viene invece pubblicato come romanzo nel 2005.

Il romanzo che gli vale il Premio Pulitzer nel 2007 è La strada (The Road), che esce nel 2006 e parla di un mondo post-apocalittico. Vince anche il premio letterario più vecchio del Regno Unito, il James Tait Black Memorial Prize per la narrativa.

Nello stesso anno esce il romanzo in forma di dramma Sunset Limited (The Sunset Limited), inizialmente presentato dalla Steppenwolf Theatre Company di Chicago.

L’ultimo romanzo di Cormac McCarthy è The Passenger, non ancora terminato, e su cui non si conosce alcun dettaglio.