Sei qui: Home » Biografia di Cormac McCarthy

Biografia di Cormac McCarthy

Cormac McCarthy nasce a Providence, nel Rhode Island il 20 luglio del 1933. Terzo di sei figli, cresce in Tennessee, dove la famiglia si trasferisce nel 1937 per seguire il lavoro del padre, avvocato di successo. A Knoxville frequenta una scuola cattolica, poi all’età di diciotto anni s’iscrive all’Università del Tennessee, ma la lascia dopo due anni per arruolarsi nell’Air Force.

Rimane nell’aviazione quattro anni, due dei quali trascorsi in Alaska, periodo in cui lo scrittore tiene anche un programma radio.

Nel 1957, ritorna nel Tennessee, e per la seconda volta riprende l’università. Risalgono a questi anni la scrittura di due racconti (Wake for Susan e A Drowning Incident) pubblicati in un giornale di studenti (“The Phoenix”), che gli sono valsi ciascuno il premio Ingram-Merril, nel 1959 e nel 1960.

Nel 1961 sposa Lee Holleman, da cui ha un figlio: Cullen.

Non si laurea neppure questa volta e lascia gli studi per trasferirsi con la famiglia a Chicago, ma al ritorno nel Tennessee, nella Sevier Country per la precisione, il suo matrimonio va in frantumi.

È di questo periodo il primo romanzo di McCarthy, Il guardiano del frutteto.

Nel 1965, grazie a una borsa di studio data dall’American Academy of Arts and Letters, s’imbarca con l’intento di visitare l’Irlanda. Durante il viaggio, si innamora di Anne De Lisle, la cantante della nave e l’anno successivo la sposa, in Inghilterra.

In seguito a una nuova borsa di studio, questa volta offertagli dalla Fondazione Rockfeller, può fare altri viaggi e a Ibiza conclude il secondo romanzo, Il buio fuori (Outer Dark), prima di tornare negli Stati Uniti, nel 1968, dove il manoscritto ha già trovato il consenso di buona parte della critica.

Nel 1969 torna nel Tennessee, a Louisville. Compra un fienile e scrive Figlio di Dio, romanzo pubblicato poi nel 1973.

Nel 1976 si separa anche da Anne De Lisle e si trasferisce a El Paso, in Texas.

Nel 1979 pubblica Suttree, romanzo considerato da diversi critici il vero capolavoro di McCarthy,  e si arriva al 1985 con Meridiano di sangue. Dal 1992 al 1998 lavora alla cosiddetta Trilogia della frontiera, composta dai romanzi Cavalli Selvaggi, Oltre il confine e Città della pianura.

Ma è con l’uscita del romanzo Non è un paese per vecchi e della sua trasposizione cinematografica che McCarthy si fa conoscere a un pubblico più ampio, fuori anche dai confini nazionali.

L’ultimo suo lavoro è del 2007: La strada. Un romanzo scritto con lo stesso stile usato nelle storie degli anni novanta, ma questa volta l’ambientazione non è più selvaggia e western ma vira verso una narrazione fantascientifico-catastrofica. Sempre lo stesso anno il romanzo vince il Premio Pulitzer per la narrativa e nel 2009 viene realizzato un adattamento per il grande schermo.

Ora McCarthy vive nel Nuovo Messico, a Tesuque, con la terza moglie Jennifer Winkley e il figlio John. Pare molto attivo nella comunità locale di Santa Fe e soprattutto nel “Santa Fe Institute”, fondato da un suo amico, il fisico Murray Gell-Mann.

Mantiene un certo distacco con il mondo letterario e mondano, cosa rara per uno scrittore di grande fama (benché assai più in patria che all’estero) e per questo suo comportamento qualcuno già lo associa a  J. D. Salinger e a Thomas Pynchon.